Coronavirus: come gestire i rifiuti domestici

Come gestire i rifiuti domestici prodotti in casa dalle persone positive al tampone o in quarantena obbligatoria

Data di pubblicazione:
05 Gennaio 2022
Coronavirus: come gestire i rifiuti domestici

Di seguito le indicazioni per gestire i rifiuti domestici prodotti da persone risultate positive ai test COVID-19 o che osservano il periodo di quarantena:

  1. Non differenziare più i rifiuti di casa tua. Tutti i rifiuti (plastica, vetro, carta, umido, lattine e secco) vanno gettati nello stesso contenitore utilizzato per la raccolta indifferenziata (residuo secco).
  2. Utilizza due o tre sacchetti possibilmente resistenti (uno dentro l’altro) all’interno del contenitore utilizzato per la raccolta indifferenziata nella tua abitazione.
  3. Anche i fazzoletti o i rotoli di carta, le mascherine, i guanti e i teli monouso vanno gettati nello stesso contenitore per la raccolta indifferenziata.
  4. Indossando guanti monouso chiudi bene i sacchetti senza schiacciarli con le mani utilizzando dei lacci di chiusura o nastro adesivo.
  5. Una volta chiusi i sacchetti, i guanti usati vanno gettati nei nuovi sacchetti preparati per la raccolta indifferenziata (due o tre sacchetti possibilmente resistenti, uno dentro l’altro). Subito dopo lava bene le mani.
  6. Gli animali da compagnia non devono accedere nel locale in cui sono presenti i sacchetti di rifiuti.
  7. A conclusione del periodo di quarantena puoi riprendere l’abituale raccolta differenziata dei rifiuti.

La cittadinanza è invitata a collaborare. 

Allegati

Ultimo aggiornamento

Venerdi 30 Settembre 2022